OLIVER
Claudio Simonetti, Massimo "Max" Morante e Clive Haynes a Londra nel settembre del 1973
Oliver
 
BIOGRAFIA
Nel 1973 Claudio Simonetti, terminato il servizio militare in aeronautica, parte con l'amico Massimo Morante e con il paroliere Giancarlo Sorbello alla volta di Londra dove, dopo molte peripezie, riescono a fissare un appuntamento con Eddie Offord, fonico e produttore conosciuto in tutto il mondo per le collaborazioni con i migliori gruppi rock progressive dei '70 (Yes, Gentle Giant, E.L.&P., King Krimson) per fargli ascoltare alcuni loro provini. Offord ritiene questi demo apprezzabili e accetta di produrre l'album a Natale, terminata la tourneÚ americana con gli Yes. Claudio e Massimo, frattanto reclutano il cantante Clive Haynes, conosciuto nella metropolitana di Londra mentre si esibiva con la chitarra e, rientrati a Roma includono nel gruppo il bassista Fabio Pignatelli (ex Le Rivelazioni) e il batterista Carlo Bordini (ex Rustichelli e Bordini). Il gruppo, dopo aver provato per alcuni mesi nella cantina della mensa del Dopolavoro Ferroviario di Roma gestita dal padre di Massimo, parte per Londra. Grazie al fratello del cantante Clive i quattro riescono ad accedere al Manticore Theatre degli E.L.&P., del quale egli Ŕ direttore. Dopo un breve periodo di prove nel mitico teatro, la formazione inizia a suonare in alcuni college inglesi con il nome "Oliver" (che Ŕ il titolo di uno dei loro brani) prima di cominciare le registrazioni dell'album. Offord per˛ prolunga la tourneÚ degli Yes quindi gli Oliver registrano i provini definitivi in un piccolo studio inglese, cantati da Clive e riarrangiati con le basi ritmiche di Carlo e Fabio. La tourneÚ degli Yes si rivela interminabile e il gruppo ritorna mestamente a Roma lasciando Clive a Londra. Riescono a far ascoltare i loro brani alla casa discografica Cinevox, e incredibilmente ottengono un contratto. Clive Haynes Ŕ sostituito dal cantante Tony Tartarini, il gruppo cambia il nome in "Cherry Five" e riesce a "partorire" il tanto agognato disco (dal titolo omonimo). Purtroppo l'autore della scelta di questo nome per l'album Ŕ ancora oggi sconosciuto!!! Il resto Ŕ storia.
Demetrio Cutrupi